logo
Populate the side area with widgets, images, navigation links and whatever else comes to your mind.
18 Northumberland Avenue, London, UK
(+44) 871.075.0336
ouroffice@vangard.com
Follow us
Cosa è la SEO - articoliamo

Cosa è la SEO? Ecco spiegata la Search Engine Optimization

Cosa è la SEO? Questa è una domanda che tutti gli utenti del web si sono posti almeno una volta nella vita. Se anche tu hai qualche dubbio in merito, ecco una breve ma dettagliata spiegazione.

Prima di tutto bisogna iniziare con lo svelare il significato dell’acronimo SEO, ovvero Search Engine Optimization, in italiano ottimizzazione per i motori di ricerca. Il SEO Copywriter è quindi il professionista specializzato in questa attività, cioè un un copy che conosce come funzionano le dinamiche di posizionamento nei motori di ricerca. Si occupa, quindi, di comporre dei testi che possano raggiungere una buona posizione in base ad una o più parole chiave.

Cosa è la SEO? I parametri da considerare per scrivere un testo ottimizzato

Per ottenere dei risultati con la SEO non basta saper scrivere bene, ma bisogna anche seguire delle regole per ottimizzare i testi. Tali regole riguardano alcuni elementi come la meta descrizione, il title tag e quelli di intestazione, le url e, soprattutto, il testo.

Il tag title è il più importante degli elementi SEO per il posizionamento. In tutti i title tag del sito, che non devono essere troppo lunghi, deve comparire la parola chiave, possibilmente all’inizio.

La meta description, pur non avendo alcuna influenza sul ranking, deve essere comunque valorizzata, magari con una call-to action che inviti l’utente a scegliere proprio quel risultato.

I tag H1, H2, H3 e via dicendo, servono a spezzettare il testo in vari paragrafi e quindi a rendere la lettura meno pesante. Lato motori di ricerca invece, questi tag servono per identificare al meglio le keywords.

Google attribuisce un’importanza strategica anche all’Url, che deve essere keyword reach, ovvero contenere almeno una parola chiave generica e competitiva, magari proprio quella primaria secondo la quale vogliamo far posizionare la pagina.

I paragrafi infine, vanno redatti mettendosi proprio nei panni dell’utente, evitando di riempirli di troppe parole chiave che, alla fine, possono confonderlo o addirittura infastidirlo.

CondividiShare on LinkedIn9Share on Facebook4Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Email this to someone